Nessun giorno di riposo: si può agire in giudizio ?

calendarioSono un infermiere , lavoro in sala operatoria, il personale nelle ASL è molto diminuito e quindi mi trovo  costretto a lavorare spesso  senza godere dei riposi compensativi previsti dalla contrattazione collettiva  o quanto meno  ad essere sottoposto  a turni di reperibilità  che non rispettano gli accordi contrattuali, ho oltre 50 anni e mi sento veramente stanco , ma non so cosa fare  anche se capisco che il reparto ha bisogno di personale che non c’è

Entrare nel merito delle difficoltà della ASL non è nostro compito anche se ci sarebbe tanto da dire specie su queste politiche di tagli indiscriminati  tornando al tuo caso è evidente che  il mancato rispetto  dei giorni di riposo  e dei turni di reperibilità ti dà diritto ad agire giudizialmente per ottenere non solo  una maggiorazione retributiva, ma anche un risarcimento del danno esistenziale ( quale ad esempio il danno  da usura psicofisica o  o per lesione  del diritto alla salute o di quello alla libera  esplicazione  delle attività realizzatrici della persona umana) in caso di lavoro prestato oltre il sesto giorno  consecutivo. Il danno esistenziale  però va dimostrato e la prima prova è la tua contrarietà manifestata all’azienda ogni qual volta ti richieda prestazioni non dovute. Tieni presente che non ha alcun rilievo se nel tempo hai goduto di riposi maggiori. Ciò che conta è il mancato rispetto dei riposi nell’arco di tempo contemplato dalla contratto di lavoro (giorno – settimana ecc). Pertanto ogni volta che ti viene chiesto di svolgere prestazioni di lavoro o turni di reperibilità  oltre l’arco di tempo contemplato dalla contratto di lavoro invia tramite raccomandata una comunicazione dove mostri la tua contrarietà alla prestazione richiesta, tutte le raccomandate ti serviranno come prova nella futura causa che potrai intentare con l’assistenza di un Avvocato per ottenere le maggiorazioni richieste ed il risarcimento del danno.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.