Lettere anonime tra lo stalking e l’ingiuria

Mi chiamo Carlo, da un anno a questa parte io e il mio compagno abbiamo ricevuto 6 lettere anonime sempre scritte al pc, tutte spedite dalla stessa città, in alcune c'erano solo stampati sms in cui due persone censurate parlavano male di noi e altre lettere con cui si descrivono episodi con alcuni insulti, sempre rivolti a me ma senza minaccia.
Se querelo secondo voi ottengo qualcosa?
Ho letto che da aprile lo stalking e le molestie sono stati “declassati” come reati minori e quindi non so cosa potrebbe accadere alla mia querela dato che i contenuti non sono proprio minacciosi, anche se mi creano una grande fastidio...
Ho alcuni sospetti ma non sono sicuro.
Grazie per la gentile risposta, attendo sue notizie. 
Leggi tutto “Lettere anonime tra lo stalking e l’ingiuria”

Il vicino denuncia ingiustamente per maltrattamento di animali

problemi vicinato piombino
Buongiorno,
sono Alessandra [nome di fantasia], il giorno 06/05/2017 il mio vicino di casa ha sporto denuncia nei miei confronti alla forestale per maltrattamento animali.
Io,  posseggo un gatto e due jack-russel, gli animali stanno sia in casa che sul balcone.
Il mio vicino si è fissato sul fatto che vuole il mio gatto perché secondo lui sul balcone ci sta male e rischia di cadere di sotto.
Ha lasciato che partissi per una vacanza, premesso che gli animali per una settimana sono stati accuditi giornalmente da mia zia, durante la mia assenza si sono presentati i carabinieri della stazione e uno della forestale che hanno steso una relazione dalla quale risulta che gli animali sono tenuti benissimo e sono in ottime condizioni.
Il tutto è stato trasmesso in procura insieme alla denuncia del vicino.
Una volta che sono ritornata dalla vacanza, sono arrivate a casa mia le guardie zoofile che non hanno potuto far altro che stendere una relazione identica a quella della forestale.
GLI ANIMALI SONO AMATI, COCCOLATI, STANNO IN BUONISSIME CONDIZIONI E NON GLI MANCA NIENTE.
A questo punto posso denunciare questo individuo per calunnia o diffamazione?

Leggi tutto “Il vicino denuncia ingiustamente per maltrattamento di animali”

Vicinato: posso denunciarlo per disturbo della quiete ?

problemi vicinato piombinoAbito al penultimo piano di un palazzo, da poco l’appartamento sopra al mio è stato acquistato e quindi abitato da una famiglia di incivili, camminano con gli zoccoli, fanno giocare il bambino a pallone in casa spostano ogni sera il divano letto  e non so cosa altro, insomma da quando ci sono loro non riesco più a riposare .  Ogni volta che suono loro e mi lamento, mi dicono che sono io intollerante visto che nessun altro protesta, ma è ovvio sono sopra la mia testa è a me che rendono la vita impossibile. Pensa che potrei fare una denuncia per disturbo della quiete come mi ha suggerito un amico?

Leggi tutto “Vicinato: posso denunciarlo per disturbo della quiete ?”

Diffamazione su Facebook scatta la denuncia

Ho lasciato un uomo, e lui il giorno dopo ha scritto sulla bacheca che sono una……poco di buono , spiegando con ampi dettagli quello che secondo lui faccio, mi aveva tolto l’accesso al suo profilo, ma me lo ha mostrato  una mia amica, in molti hanno letto quelle offese – accuse tanto che, pur non avendo fatto niente, mi vergogno ad uscire di casa. Mi dicono che sulla sua bacheca può scrivere ciò che vuole, è davvero così?

Leggi tutto “Diffamazione su Facebook scatta la denuncia”

Entra sul profilo Facebook del marito, scopre l’amante ma rischia la denuncia

Avvocato  mia moglie ha  scoperto che ho una relazione andando  sulla mia pagina facebook  trovando la password in memoria.  Ha visto alcuni messaggi che ho subito poi cancellato. Ho negato tutto e vorrei minacciarla di denuncia penale anche per impedirle altre indagini sui social , ma non so se dico un’ assurdità.

Egregio signore, le faccio i complimenti per la sua prontezza ed effettivamente ha colto nel segno:  introdursi in facebook per controllare il marito  (così come spiare il suo cellulare o le sue e-mail)  integra il reato punito dall’articolo 615 ter del codice penale  che punisce “”Chiunque abusivamente si introduce in un sistema informatico o telematico protetto da misure di sicurezza ovvero vi si mantiene contro la volontà espressa o tacita di chi ha il diritto di escluderlo“. E’ una tutela introdotta nel 1993  per il domicilio informatico.    Il reato è perseguibile a querela della parte offesa e non  vale  come scusante il fatto che la password fosse salvata. Sarebbe come dire che se la chiave è alla porta chiunque può entrare senza commettere violazione di domicilio. La pena è fino al massimo di 3 anni .

Detto questo, e visto che è arrivato al punto di pensare di denunciare sua moglie è evidente che il rapporto è alle strette le consiglio di dare un occhiata anche a qualche nostro articolo in tema di separazione dei coniugi ( tempo fa ne scrivemmo uno in tema di tradimento online).

Se ha bisogno di maggiori informazioni e si trova a Piombino o in provincia di Livorno può chiamare in studio per un incontro informativo altrimenti compili il  form che trova alla pagina contatti del blog (quello che ha già usato per inviare  la sua domanda).