Vicinato: posso denunciarlo per disturbo della quiete ?

problemi vicinato piombinoAbito al penultimo piano di un palazzo, da poco l’appartamento sopra al mio è stato acquistato e quindi abitato da una famiglia di incivili, camminano con gli zoccoli, fanno giocare il bambino a pallone in casa spostano ogni sera il divano letto  e non so cosa altro, insomma da quando ci sono loro non riesco più a riposare .  Ogni volta che suono loro e mi lamento, mi dicono che sono io intollerante visto che nessun altro protesta, ma è ovvio sono sopra la mia testa è a me che rendono la vita impossibile. Pensa che potrei fare una denuncia per disturbo della quiete come mi ha suggerito un amico?

Ancora problemi con il vicinato: se in estate il problema principale erano gli odori  (ne abbiamo parlato qui e qui),  ora che abbiamo tutti le finestre chiuse affrontiamo il problema dei rumori molesti…

Ovviamente il tuo amico non è un legale altrimenti avrebbe saputo che il presupposto per la violazione dell’ art  659 codice penale (  e cioè del disturbo della quiete)  è che il rumore sia percepito da  più persone ed in particolare nel condominio viene inteso come un disturbo che venga arrecato a più appartamenti non solo a quello sottostante.

La condotta cioè per essere sanzionata deve essere astrattamente idonea a determinare un disturbo diffuso e generalizzato delle occupazioni e/o del riposo di una moltitudine di persone, anche se è  una sola persona a lamentarsene.

Pertanto per fare un esempio  concreto se anche solo tu che  suoni al vicino infastidita per far cessare il comportamento  è necessario che anche dagli altri appartamenti  sia udibile il frastuono.

Se però non vi fossero i presupposti per una denuncia penale , in quanto il rumore effettivamente è percepito solo nel tuo appartamento, potrai comunque agire  una causa civile . In tal caso è opportuno che prima attraverso un tecnico tu faccia misurare le immissioni sonore che arrivano nel tuo appartamento, se lo stesso riterrà che superino la normale tollerabilità , potrai agire per fare cessare tali azioni e ottenere il ristoro dei danni ricevuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.