Diffamazione su Facebook scatta la denuncia

Ho lasciato un uomo, e lui il giorno dopo ha scritto sulla bacheca che sono una……poco di buono , spiegando con ampi dettagli quello che secondo lui faccio, mi aveva tolto l’accesso al suo profilo, ma me lo ha mostrato  una mia amica, in molti hanno letto quelle offese – accuse tanto che, pur non avendo fatto niente, mi vergogno ad uscire di casa. Mi dicono che sulla sua bacheca può scrivere ciò che vuole, è davvero così?

Ma stiamo  scherzando? ASSOLUTAMENTE NO!

 Il tuo ex ha violato il codice penale e dovresti denunciarlo per diffamazione, nel tuo caso è ancora più grave perché ti ha diffamata tramite il web. Pur se il profilo è suo e pure se è chiuso, tutti i suoi contatti possono leggere quelle accuse e certamente saranno state  più di due (numero minimo per parlare di diffamazione) le persone che hanno avuto accesso ai suoi scritti , offensivi del tuo onore e della tua reputazione. Come correttamente ha detto la Cassazione  “Facebook è una piazza e, come tutte le piazze, di privato c’è davvero poco. La diffusione di un messaggio sulla bacheca di Facebook ha potenzialmente la capacità di raggiungere un numero indeterminato di persone. Pertanto, se l’offesa è arrecata con il social network, a prescindere se il profilo è “chiuso”, scatta l’aggravante”

Quello che devi fare è rivolgerti ad un bravo avvocato il quale ti aiuterà a redarre la denuncia nei confronti del tuo ex fidanzato. Inoltre sempre tramite un avvocato puoi inviargli una diffida intimandogli di cancellare immediatamente gli scritti offensivi. Tale diffida potresti e dovresti inviarla anche al gestore del social network, ma la questione è un po’ più complicata e sarà oggetto di un post specifico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.