Usucapione dello stanzino condominiale: come tutelarsi.

Ho acquistato un immobile in condominio , tra i beni comuni risulta anche uno stanzino comune nella chiostra . Il venditore dell’immobile non mi ha lasciato la chiave, dicendo che non lo usava da anni e forse l’aveva persa e di chiedere ad un vicino. Il vicino però mi ha detto che viene usata solo da un condomino, perché tutti noi abbiamo gli stanzini privati e non ne abbiamo motivo . A me non sembra regolare e non voglio rinunciare ad un mio diritto cosa devo fare?

Tra le tante questioni che vengono poste in ambito condominiale il tentativo di usucapione degli spazi comuni è una di quelle che va per la maggiore.

Devi fare molta attenzione e comprendere  da quanto tempo il condomino fa un uso privato dello stanzino condominiale, se ha posto in essere interventi tali da impedire l’uso anche agli altri o meno . 

In altre parole devi verificare che il condomino possa ottenere la proprietà dello stanzino  per intervenuta usucapione.

Condominio

 Un condominio può usucapire un bene comune provando il possesso esclusivo del bene e dimostrando che la facoltà di utilizzo di tale bene da parte degli altri condomini sia stata palesemente impedita e/o esclusa per il periodo necessario di 20 anni (ad esempio sostituendo le chiavi di accesso).

Se nel suo caso il condomino non avesse ancora fatto interventi tali da impedire l’utilizzo o comunque non fossero ancora trascorsi 20 anni, le consiglio prima di richiedere bonariamente allo stesso di togliere tutti quegli ostacoli che impediscono anche agli altri condomini di godere del bene ( lasci posto all’interno anche per altri , se ha sostituito le chiavi ne consegni una ad ognuno ) , in caso di rifiuto  per evitare che si perfezioni l’acquisto per usucapione in favore del singolo dovrà (da solo o con gli altri condomini) iniziare una azione legale che si chiama “azione di reintegro del possesso” sul bene comune avverso il singolo . Si ricordi che a nulla vale il mancato uso da parte del condominio, solo le azioni effettivamente poste in essere da 20 anni al fine di impedire tale l’uso agli altri possono far acquisire un diritto per usucapione. 

Per evitare l’usucapione , per prima cosa è quindi utile e necessario inviare una diffida in cui si invita il condomino ad interrompere tutte quelle azioni volte ad evitare l’uso da parte degli altri condomini es: ripristino della vecchia serratura o consegna di copia delle chiavi a tutti . Se con la diffida non si ottiene risultati allora sarà necessario introdurre una azione chiamata “azione di reintegra nel possesso” .

Se vuoi affidarci la risoluzione del tuo problema chiedi un preventivo tramite l’apposito modulo o prendi direttamente un appuntamento presso il nostro studio , possiamo seguire la tua pratica fin dall’invio della prima lettera di diffida

Per prendere un appuntamento con un avvocato del nostro studio legale di Piombino chiamaci ai numeri che trovi nella colonna a destra  o riempi il modulo di contatto che trovi nel link in fondo a questa pagina .  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.