Di regola c’è l’affidamento condiviso

imagesMia moglie ed io abbiamo deciso di separarci, per incompatibilità caratteriale, lavorando entrambi non abbiamo intenzione di discutere su alimenti o cose del genere , l’unico nodo da sciogliere  è l’affidamento dei bambini che lei insiste per avere solo lei , se accetto significa che i bambini non potranno mai passare la notte con me nel mio nuovo appartamento ?

Sta facendo un po’di confusione tra affidamento, collocamento e diritto/dovere di trascorre del tempo con i figli.

La ( criticata)  Legge 54 del 2006 ha introdotto il principio c.d. di bigenitorialità , stabilendo che in caso di separazione ( vale anche per le famiglie di fatto in caso di cessazione della convivenza)  i figli della coppia siano affidati di regola congiuntamente ad entrambi i genitori ( affidamento condiviso ) .

L’affidamento esclusivo dei figli minori ad un genitore costituisce pertanto l’eccezione alla regola dell’affidamento condiviso. Eccezione d’obbligo laddove il giudice  ritenga che l’affidamento condiviso ad entrambi non corrisponda all’interesse dei figli, (pericolosità, immoralità, non presenza sul territorio e simili).Pertanto se non vi sono gravi e specifici motivi che giustifichino l’affidamento esclusivo ad uno soltanto dei genitori questa disposizione dellla separazione non sarà contrattabile ed  il giudice nell’interesse dei figli deciderà per l’affidamento congiunto.

Principio fondamentale è che i figli hanno il diritto di continuare ad avere un rapporto continuativo ed equilibrato con entrambi i genitori anche dopo la crisi che ha portato alla rottura della loro famiglia, e che entrambi i genitori hanno il dovere/diritto di collaborare  per prendere insieme le decisioni più importanti e significative per i figli. Diverso è il collocamento, ovvero dove i figli stabiliranno la residenza, stabilendo in questo modo il genitore con il quale rimarranno a vivere, ma ciò non influisce di regola al diritto di trascorrere del tempo ( anche giorni consecutivi) con i figli.

Il mio consiglio in ogni caso è quello di far seguire la sua pratica ad un legale (se le interessa qui trova i nostri contatti)  che possa nel suo interesse (valutando complessivamente la sua situazione) arrivare a definire le condizioni di separazione nel modo più vantaggioso per lei e per i suoi figli.

1 commento

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] caso che suo marito sia d’accordo nel concederglielo) , il giudice in ogni caso disporrebbe l’affidamento congiunto e questo nell’interesse del piccolo. Potrà invece in sede di separazione giudiziale chiedere […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.